giovedì 25 marzo 2010

Tesi di laurea e viaggi solitari

Mi ha incuriosito la lista delle tesi di laurea svolte nel Dipartimento di Italianistica dell'Università di Turku.
Ho trovato interessanti titoli come "L’immagine dell’Italia nei manuali scolastici finlandesi dal 1917 a oggi", "Gli italianismi attinenti al linguaggio della musica: osservazioni sull’uso del finlandese", "Prestiti italiani nel linguaggio gastronomico finlandese 1893 - 1915", "L’uso di italianismi dei nomi di esercizi pubblici in Finlandia: ristoranti, pizzerie, barbieri e parrucchieri", "La canzone napoletana: un'analisi delle versioni finlandesi".

Darei volentieri una lettura anche a "Un viaggiatore italiano in Scandinavia. Il viaggio settentrionale di Francesco Negri 1663-1666" e "Italiano regionale e dialetto barese nel registro linguistico del film "Mio cognato" del regista Alessandro Piva".

Ricordo di aver visto almeno un paio di volte Mio cognato e sempre con un misto di piacere e amarezza. Sicuramente ha un registro linguistico stimolante.

Non conoscevo invece la storia del viaggio di Francesco Negri. Il sacerdote ravennate fu infatti il primo "europeo" a raggiungere Capo Nord (inverno 1664). Effettuò il viaggio in completa solitudine spinto dal suo desiderio di avventura e dalla sete di conoscenza.
Francesco Negri ha anche il merito di aver portato e diffuso in tutta l'Europa l'uso degli sci, che aveva visto utilizzare dalle popolazioni scandinave.
Le sue considerazioni sono raccolte in Viaggio settentrionale uscito postumo nel 1700.


martedì 23 marzo 2010

Traduzioni ufficiali

Cosa fare se si ha bisogno della traduzione ufficiale di un documento?

In Finlandia è possibile consultare la lista dei traduttori autorizzati sul sito di un ente chiamato Opetushallitus dipendente dal Ministero dell'Istruzione (Opetusministeriö).
Nella pagina di ricerca si inserisce la lingua di origine (nel campo Mistä) e quella in cui si vuole tradurre (campo Mihin) e avviare la ricerca selezionando "Hae". E' possibile anche effettuare la ricerca anche cognome (campo "Sukunimi").

Per esempio nel caso di traduzione dall'italiano al finlandese si seleziona selezionare la voce "italia" nel campo "Mistä" e la voce "suomi" nel campo "Mihin". Nella lista dei risultati sono presenti nomi e cognomi dei traduttori autorizzati e la città in cui sono domiciliati. Mancano invece indirizzo email o numero telefonico.

Uno dei modi per trovare dei riferimenti ufficiali potrebbe essere quello di incrociare i nomi precendenti con quelli presenti nell'elenco fornito dall'Associazione finlandese dei Traduttori ed Interpreti.
Nella scheda di ogni traduttore sono riportate le lingue di competenza, indirizzo email e spesso anche numeri telefonici.


lunedì 22 marzo 2010

Di titoli e intestazioni familiari

Ecco due curiosità (diverse tra loro) tratte da un giornale italiano e uno finlandese.
Nel giornale italiano si fa riferimento a qualcosa di finlandese mentre in quello finlandese si fa riferimento a qualcosa di italiano.
Si comincia con il giornale italiano.


Vi ricorda qualcosa l'intestazione della pagina sportiva de La Gazzetta del Mezzogiorno?



Passiamo ora al giornale finlandese

Il titolo dell'articolo pubblicato nell'inserto culturale di HS di ieri riporta:"B. muore al Teatro Nazionale dell'Opera".

In scena è stata rappresentata l'opera di Verdi "Un ballo in maschera" (Naamiohuvit) . Il regista finlandese ha ambientato l'opera ai giorni nostri ispirandosi al premier italiano per la parte del conte Riccardo.



domenica 21 marzo 2010

Erba pasquale

Una delle tradizioni finlandesi del periodo quaresimale riguarda l'allestimento di "piccoli prati". Nei negozi si trovano dei semi di erba da seminare in piatti piani (o contenitori simili). Le bustine di semi sono vendute con i nomi di "pääsiäisruoho" (erba pasquale) o "rairuoho". Dopo una settimana nei vasi c'è già uno strato di dieci centimentri di erba.
Infine il prato viene popolato con dei pulcini (tipu).

Nelle foto ci sono tulipani finlandesi, loietto italico (italianraiheinä) e dei pulcini (probabilmente cinesi).






sabato 20 marzo 2010

Voli mitici

Non sono mai stato al Museo dell'Aviazione Finlandese (Suomen Ilmailumuseo).
Mi hanno incuriosito i colori vivaci e la grafica del volantino pubblicitario di "Volo mitico" (Myyttinen lento), una mostra per famiglie che verrà inaugurata la prossima settimana.
Immagino che i più piccoli non perderanno l'occasione di fare un giro sul tappeto magico di Aladino.


venerdì 19 marzo 2010

FC Orava

Negli ultimi giorni i media finlandesi e parte di quelli italiani raccontavano nei minimi dettagli la visita dei coniugi Beckham a Turku.
Altri dettagli sono riportati anche in questo articolo pubblicato su "La Rondine".
Su Nyt hanno pensato bene di creare una squadra di calcio denominata per l'occasione "FC Orava" con alcuni dei tanti calciatori operati dal dottor Orava nel corso degli ultimi anni.

Leo Franco (ARG), portiere
Jonathan Woodgate (ENG), stopper
Georgios Seitaridis (GRE), stopper
Juha Reini (FIN), terzino destro
Didier Dechamps (FRA), terzino sinistro
Pierluigi Casiraghi (ITA), centrocampista offensivo
Josep Guardiola (SPA), centrocampista
David Beckam (ENG), ala destra
Henri Scheweleff (FIN), ala sinistra
David Trezeguet (FRA), attaccante (su Nyt è riportato con nazionalità italiana)
Mixu Paatelainen (FIN), attaccante

Riserva: Niklas Moisander (FIN)

Il medico sportivo della squadra non può che essere il dottor Sakari Orava. Complimenti all'eminente chirurgo.


martedì 16 marzo 2010

Comunicazione di servizio con intervallo pop

Una breve comunicazione di servizio.
Ho deciso di dirottare le future riflessioni e curiosità liguistiche su un apposito spazio che ho chiamato Kielipiha (il cortile della lingua).

Sul blog Suom(I)taly stories, lo spazio principale, continuerò a segnalare tutto ciò che non è strettamente correlato alla lingua.

Vi auguro una buona serata lasciandovi in compagnia di un brano di Jonna Tervomaa.


domenica 14 marzo 2010

Mämmi e i suoi derivati

Uno dei comportamenti stereotipati riscontrabili nell'approccio alla cucina tradizionale finlandese è la reazione al mämmi, un dolce del periodo pasquale.
Ingredienti di base sono acqua, farina di segale e malto. Dopo aver dato una veloce occhiata al suo aspetto non farete a fatica a capire il motivo delle ironiche battute di cui è bersaglio.

Durante la Quaresima si trva nel reparto frigo dei supermercati. Tradizionalmente si mangia con l'aggiunta di panna e zucchero.
Al giorno d'oggi vengono anche proposte ricette che hanno il mämmi tra gli ingredienti principali. Per esempio torte di mämmi, marmellata di mämmi, mousse di mämmi.

Non è uno dei miei dessert preferiti ma ad ogni modo trovo che il gusto migliore di quanto prospettato (richiamato??) dal suo aspetto.

In questo periodo sugli scaffali dei supermercati e nelle birrerie è possibile trovare la "Kievari Mämmi" prodotta dal birrificio Laitila.
La "Kievari Mämmi" ha tra gli ingredienti un pò di mämmi.
Viene infatti commercializzata come la prima e la miglior birra al mämmi del mondo.



venerdì 12 marzo 2010

Luoghi di dire finlandesi

Non c'è una svista del titolo. Mi piace pensare che ai "luoghi di dire" come ai modi di dire legati a dei luoghi.
Prendo spunto da una lista di quelli italiani pubblicati su questo sito per elencarne alcuni finlandesi.

Nella mappa sono evidenziati i luoghi a cui fanno riferimento le espressioni.




[Ultimo aggiornamento: 13.03.2010]

Hanko
da Hanko a Petsamo  [Hangosta Petsamoon] : prima della seconda guerra mondiale la distanza più lunga tra due luoghi finlandesi era quella che univa Hanko (sulla costa meridionale) al distretto di  Petsamo. Nel 1944 Petsamo passò all'Unione Sovietica.
L'espressione viene usata per indicare tutta la Finlandia. Un'analoga locuzione in lingua italiana è "dalle Alpi alla Sicilia" (contenuta anche nell'Inno) oppure usando le parole della Carrà "da Trieste in giù".

(sorridere) come un biscotto di Hanko [ (hymyillä) kuin Hangon keksi] : fa riferimento ai biscotti prodotti dalla "Hanko Oy" un biscottificio di Hanko. Sui biscotti era riprodotto un viso sorridente. L'espressione viene usata quando per descrivere grandi sorrisi, momenti di felicità, positività.


Vilkkilä
come gatti a Vilkkilä [kuin Vilkkilässä kissoja]: viene usata in maniera scherzosa col significato di "molti, in grande quantità". Secondo una tradizione popolare pare che nel villaggio di Vilkkilä (nei pressi di Lammi) la popolazione dei gatti sia stata sempre molto numerosa in proporzione a quella umana.

Brinkkala/Prinkkala
verso Prinkkala [päin Prinkkala]: significa "andare storto, andare male". Prinkkala è un palazzo storico nel centro di Turku.

Hamina
la testa gira com la città di Hamina [pää on pyörällä kuin Haminan kaupunki]:viene usato per esprimere uno stato di confusione.La pianta del centro storico di Hamina è infatti circolare.

San Pietroburgo
costruire/realizzare la chiesa di Sant'Isacco [rakentaa/tehdä Iisakinkirkkoa]: significa "fare qualcosa a lungo termine con grande impegno" oppure "realizzare qualcosa di grande". L'espressione fa riferimento ai 40 anni necessari per la costruzione della cattedrale di Sant'Isacco a San Pietroburgo.

Huittinen
L'uomo pazzo da Huittinen (mangia più di quello che guadagna)! [Hullu mies Huittisista,(syö enemmän kuin tienaa)!]: si dice di organizzazioni o persone che spendono più di quello che guadagnano.

Oulu
Sei di Oulu, hai paura della polizia? [Ookkonää Oulusta, pelkääkkönää polliisia?]: locuzione dialettale di solito indirizzata a quelli che vengono da Oulu. Per ora non ho trovato informazioni su origine e significato.


giovedì 11 marzo 2010

L'albero del pane di Giovanni


L'estate scorsa mi sono imbattuto in esemplari di leguminose di cui avevo solo un lontano e sbiadito  ricordo.
Nel mio dialetto le carrube vengono chiamate "pistazz(i)" e anche "cornule" (o qualcosa di simile).  Ricordo di averle assaggiate molto anni fa ma solo una vaga e indefinibile traccia è rimasta nella mia memoria gustativa.

Dal punto di vista linguistico il carrubo presenta alcune curiosità.
Il nome con cui viene chiamato in inglese, italiano e nelle principali lingue neolatine deriverebbe dall'arabo "el kharroube".
In molte lingue germaniche (tedesco, olandese e lingue scandinave) e in quelle ugro-finniche (finlandese, estone) viene invece chiamato "albero del pane di Giovanni".
Il nome deriverebbe da un episodio riportato nel Nuovo Testamento secondo cui San Giovanni Battista sopravvisse diversi giorni nel deserto cibandosi di carrube e miele.

In campo alimentare le carrube sono utilizzate come cibo per animali, bevande, rosolii, vincotto. La farina di semi è usata come addensante in numerose preparazioni alimentari mentre carrube essicate o tostate sono usate come ingredienti per dolci o biscotti.
I duri e uniformi semi delle carrube venivano usati come unità di misura delle pietre preziose. Il termine "carato" deriva infatti dall'arabo "khirat" con cui sono chiamati i semi.


martedì 9 marzo 2010

Pubblicità di lamponi e patatine

Leggevo qualche giorno fa un breve articolo sul tipo di linguaggio utilizzato nelle campagne pubblicitarie e sui richiami dell'autorità di controllo.

Una nota casa produttrice di bevande gassate aveva lanciato un long drink (lonkero) in lattina al gusto di lampone (vadelma oppure vattu).
Gli slogan sui manifesti si basavano sull'assonanza tra "vattu" e un'altra parola.
Basta sostituire la "i" alla "a" ed ecco che si ottiene il termine usato più frequentemente nei discorsi tra giovani (e non solo). Quasi un intercalare.

Ecco alcune frasi che avrebbero causato un richiamo al produttore della bevanda.
"Vattuako siinä tuijotat?"
"Ihan vatun hyvä lonkero"
"Uusi vattumainen maku"
Non ha molto senso tradurre le frasi così come sono. Per fare un'analogia potreste pensare al film "Viva la foca!". Anche in quel caso la differenza consisteva in una vocale.

A proposito di pubblicità, in molti ricorderanno certamente quella delle patatine.

Ricordate altri casi italiani e/o finlandesi del genere?


sabato 6 marzo 2010

In tutti i luoghi, in tutti i laghi

Non saprei dire se il giovane vincitore del Festival di Sanremo abbia mai trascorso l'estate in Finlandia.
Di certo non ci è mai stato in pieno inverno.

Le ragioni sono ben spiegate nella versione della canzone vincintrice proposta da Elio e le Storie Tese (con tanto di morale finale).

Elio giustamente afferma: "L'amore nelle canzoni è una cosa; invece quello vero, quello reale è un'altra cosa".


venerdì 5 marzo 2010

Basta un poco di zucchero


I finlandesi hanno preferito cambiare il nome della governante più famosa del mondo.
Nella colonna sonora finlandese non mancano "Chim chim cheree", "Sokerilla makeaksi", "Superkalifragilistiexpialidousuu".
Il musical è ancora in scena ad Helsinki


giovedì 4 marzo 2010

La sauna è mobile


Ho già riportato alcune curiosità sulla sauna finlandese.
Sul sito "Associazione Sauna Finlandese" trovate sia la terminologia di base che dei consigli per l'uso.

Non avevo ancora pensato al concetto di "sauna in movimento".
Navigando in rete ho trovato un video della sauna su strada più veloce del mondo e quello di una "sauna gondola" che sale su per la montagna.
Sembra che la cabina-sauna di Ylläs possa ospitare gruppi di 4 a 12 persone per la "modica" cifra di 1500 euro a giro.

Ad ogni modo qualsiasi sia la tipologia, una delle cose da ricordare è di non andare mai dietro la sauna anche se vi assicurano che c'è spazio (saunan takana on vielä tilaa).


mercoledì 3 marzo 2010

Curiosità linguistiche sui comportamenti degli animali

E' cominciato ieri lo sciopero nazionale degli autisti di bus e degli autotrasportatori.
Sull'edizione online di HS è stato pubblicato un articolo in cui si invitava a non fare scorte di cibo e carburante.
Una parte del titolo riportava "Ruokaa ei kannata hamstrata".
Pur non conoscendo il verbo hamstrata ho pensato che potesse significare qualcosa tipo "accumulare". La parola mi ricordava vagamente il nome di un roditore.
Da una rapida ricerca ho appreso che "hamstrata" deriva da "hamsteri" ovvero il criceto.
E' risaputo che il criceto accumula una grande quantità di provviste riempiendo completamente le sue guance di cibo per poi trasportarlo nei magazzini di riserva.
Altri verbi finlandesi con lo stesso significato sono "rohmuta" e "kahmia"

A questo punto ho pensato di riportare altri esempi di verbi derivati da comportamenti (presunti o reali) degli animali.

[Ultimo aggiornamento: 08.08.2013]


In finlandese

sammakoida
Il termine "sammakko" (lett. rana) viene usato per etichettare una affermazione,un pensiero stupido o sconsiderato. Per estensione il verbo "sammakoida" potrebbe significare "dire qualcosa di sciocco". Non ho capito se si tratta di un termine ufficiale o di lingua parlata.

karhuta
Con il termine "karhu" si intende sia "orso" che "richiesta/sollecito di pagamento". Il verbo "karhuta" significa "sollecitare/richiedere un pagamento (dovuto)" o anche "rammentare". Sembra che sia una traduzione diretta dallo svedese "björna".

jänistää
Avevo già riportato il verbo jänistää in un'occasione precedente. Deriva da "jänis" (lepre) e significa "aver fifa, molta paura".

kukkoilla
Sembra derivare da "kukko" (gallo). Il mio dizionario lo traduce con "pavoneggiarsi, darsi delle arie". Il pavone in finlandese si chama riikinkukko.

sikailla,porsastella
Hanno entrambi lo stesso significato ovvero "comportarsi come un maiale/porco". Derivano rispettivamente da "sika" (maiale) e "porsas"(maialino, porcellino)

apinoida
Corrisponde all'italiano "scimmiottare". Deriva da "apina" (scimmia).

ahmia
Nel mio dizionario ahmia viene tradotto con "inghiottire, mangiare avidamente,divorare". Per esempio l'espressione "mangiare con gli occhi" si traduce con "ahmia silmillään". Il verbo sembra correlato al ghiottone (ahma).

hevostella
In lingua parlata ha anche il significato di vantarsi, esagerare. Proababilmente da hevonen (cavallo)

In italiano

accanire, accanare, accaprettare, accavallare, aggattonare, allumacare (lumacare), allupare, appecorare(???),arricciare, attapirarsi(???), avvolpacchiarsi, cavalcare, chiocciare, cicalare, civettare, covare, diragnare, formicolare (formicare), gattigliare, gattonare, gracidare, gracchiare, grilleggiare, grillare (grillettare), gufare, gufeggiare, impaperarsi, imporcare, inasinire, incaprettare, incartapecorire, intorarsi, lucciolare, lupeggiare, ocheggiare, pavoneggiarsi, pecchiare, ronzare, scimmiottare, sbertucciare, sfarfallare, sgattaiolare, sparpagliare, sporcare, toreare, tigrare, volpeggiare, zebrare.


martedì 2 marzo 2010

Hitlantis, al centro della musica


Alla fine dello scorso anno è stato lanciato Hitlantis, un nuovo servizio web finlandese che permette di ascoltare musica di giovani cantanti ed eventualmente comprare le loro canzoni.

Pur non essendo certamente il primo servizio del genere, quello che mi ha incuriosito di Hitlantis è l'interfaccia utente ispirata al gioco del Trivial Pursuit.
Non vi anticipo altro dell'interfaccia visto che in fin dei conti risulta abbastanza intuitiva.
Chiudo con una curiosità legata che al nome del servizio. Pare infatti che sia stato suggerito da Ville Valo cantante degli HIM.


lunedì 1 marzo 2010

I nomi della neve


Nella lingua finlandese ci sono diverse parole che indicano la neve.
In questo sito ne vengono elencate quaranta. La lista non è limitata a termini che riguardano la neve in senso stretto. Sono escluse inoltre le parole composte ed inclusi alcuni termini dialettali.

Sul sito del Kotus sono elencati invece i termini dialettali con cui viene chiamata la neve ghiacciata (pakkaslumi). Sullo stesso sito vengono riportate anche alcune forme dialettali per indicare il verbo "nevicare".

Su Wikipedia si trova un altro elenco di nomi con relativa spiegazione (in finlandese).

Per quanto mi riguarda, i termini che mi è capitato di sentire più spesso sono:
- lumi: neve
- lumipyry: nevicata
- myräkkä,lumimyrsky: tempesta/tormenta di neve,
- räntä: nevischio (acqua neve)
- loska: misto di acqua neve e fango