lunedì 30 marzo 2009

Asfalto e cemento

Asfalttia ja sementtiä, cantata da Kari Kuuva, è la versione finlandese di uno dei successi di Adriano Celentano. Se non lo avete già intuito dal titolo, le prime note vi sveleranno immediatamente il brano.
Trovo curioso che l'autore del video abbia inquadrato il giradischi sul quale gira il disco in vinile. Sembra quasi che abbia voluto creare un ponte ideale tra il passato e il futuro della musica.



Lyckliga gatan è invece la versione svedese della medesima canzone interpretata da Anna-Lena Löfgren.

Dedico questo post all'amico L. grande appassionato del molleggiato.

domenica 29 marzo 2009

Lettera ad una sconosciuta

Oggi in una intera pagina dell'Helsingin Sanomat, il più diffuso quotidiano finlandese, è stata pubblicata una lettera.
Uno straniero avrebbe pagato 20000 euro per comprare una pagina del giornale e pubblicare il suo annuncio per ritrovare una donna intravista in un bar.
Sono già cominciate su alcuni forum finlandesi le illazioni sull'autenticità della lettera.
Diverse sono le ipotesi: messaggio pubblicitario del bar, pubblicità del giornale stesso, pesce d'aprile anticipato e così via.
Helsingin Sanomat ha confermato che non si tratta di pubblicità ma i dubbi restano. In un modo o nell'altro sono sicuro che la casella email dell'autore non resterà vuota.
Aggiornerò in seguito questo post in caso di novità.

Di seguito riporto una traduzione a braccio del testo del messaggio. I puntini di sospensione corrispondono a quelli presenti anche nella lettera originale così come le lettere maiuscole usate per la seconda persona singolare.


Lettera ad una dispersa
"Tutto ciò è accaduto domenica 21 febbraio 2009 alle 22:00. Ero arrivato ad Helsinki e insieme ad un amico avevamo deciso di trascorrere la serata al ristorante Mecca.
Ti ho vista al bar del ristorante al secondo piano, mai ho visto qualcosa di più bello dei Tuoi occhi..... del tuo viso... e dei tuoi capelli biondi a coda di cavallo. Eri vestita con un elegante blazer nero e una gonna. Avevi una maglia color neve e delle scarpe nere a tacco alto.

Eri arrivata al ristorante con una ragazza dai capelli scuri (un più bassa di te). Eravate sedute sul divano accanto al bancone del bar e bevevate un Kir Royal. Cercavo con tutte le forze di non guardarti ma non ci sono riuscito.

Più tardi eravate andate al ristorante del primo piano e dopo alcuni minuti io e il mio amico eravamo di fronte a voi sempre accanto al bancone del bar ... e ancora una volta non ho potuto non guardarti.....

A mezzanotte noi e voi siamo andati via dal ristorante quasi contemporaneamente. Il mio amico era andato a prendere l'auto mentre io aspettavo di fronte al ristorante. Non riesco a capire come mai non una parola sia uscita dalla mia bocca per chiederTi almeno il nome quando mi sei passata vicino....
Vi abbiamo seguito in auto lungo Ludvinginkatu. Ho chiesto al mio amico di fermare l'auto all'angolo di Erottajankatu per poter parlare con Te, ma voi avete svoltato a sinistra per Yrjönkatu.

In quel momento ho sentito di aver perso qualcosa di prezioso che le parole non possono descrivere."

Da quella sera è passato più di un mese e non sono riuscito a dimenticarTi. Spero che Tu ricordi quella sera e che mi dia ancora un'altra possibilità di conoscerTi. Scrivimi in inglese al seguente indirizzo email"



sabato 28 marzo 2009

Takatalvi

Il freddo dei giorni scorsi e la nevicata di ieri non rappresentano una eccezione per il clima finlandese.
Non a caso esiste il termine takatalvi che sta proprio ad indicare il gelo e la neve primaverili. Una specie di inverno di ritorno, come la parola stessa sembra suggerire.
Seguono un paio di foto scattate oggi. Sotto una abbondante nevicata si è tenuto a Myyrmäki il Mercato di Primavera.
Per ironia della sorte, la primavera evocata dal nome non si è mai materializzata, limitandosi ad essere poco più di un lontano ed indistinto ricordo.


28 marzo 2009: Vantaa, Myyrmäki - stazione innevata


28 marzo 2009: Vantaa, Myyrmäki - vendita di liquirizie di colori e forme diverse

venerdì 27 marzo 2009

Diamo i numeri (in finlandese)

Visto il montepremi di quasi 7 milioni di euro del lotto finlandese, se avessi dei "buoni numeri" questa sarebbe senza dubbio la settimana adatta per giocarli.
I numeri che troverete qui sono ben altri, sono solo alcuni di quelli che popolano le frasi idiomatiche o i detti della lingua finlandese.
Cominciamo dal basso con il detto "kahden kauppa on kolmannen korvapuusti" che letteralmente significa "un buon affare per due è uno schiaffo per un terzo" ovvero che nel commercio c'è sempre qualcuno che ci rimette.
Korvapuusti è anche una buonissima brioche alla cannella che spesso si accompagna al tè o al caffè.
Se invece della stessa frase invertiamo i numeri (kahden korvapuusti, kolmannen kauppa) abbiamo l'equivalente dell'espressione italiana "tra i due litiganti il terzo gode".

Mi permetto di saltare il 4 e proseguire oltre con il 5 (viisi) e 6 (kuusi).
Se ai tanti impegni di lavoro in cui si è coinvolti non corrispondono gli attesi guadagni l'espressione "viisi virkaa ja kuusi nälkää" (lett. 5 impieghi e 6 appetiti). Curiosamente anche gli svededesi usano lo stesso detto ma con numeri diversi ovvero "fjorton (14) ämbeten, femton (15) olyckor". Qualche italo-svedese conferma?

L'espressione yhdeksän hyvää ja kymmenen kaunista, che si potrebbe tradurre con "nove bontà e dieci bellezze", starebbe a significare che tutto va bene. Se invece qualcuno vi sta promettendo "nove bontà e dieci bellezze" significa che vi sta facendo promesse che non potrà mai mantenere, promesse da marinaio.

Il numero nove ricorre anche nel modo di dire "l'autunno avanza con nove cavalli" (syksy ajaa yhdeksällä hevosella) per indicare che nella stessa giornata il tempo (atmosferico) cambia velocemente. Non so però quanto il suo uso sia diffuso.

Abbastanza comune risulta invece il detto parempi pyy pivossa kuin kymmenen oksalla (meglio un francolino di monte in mano che dieci sul ramo).

L'interpretazione di quest'ultima la lascio a voi.


sabato 21 marzo 2009

Piccoli gesti

In un parco di Helsinki:
E' permesso sedersi sull'erba, guardare le nuvole, leggere libri, giocare a palla, mangiare qualcosa e anche cantare. In un parco pulito tutto è piu divertente.
Le piccole cose sono delle grandi cose.
Teniamo Helsinki pulita!


giovedì 19 marzo 2009

Zeppole e uguaglianza



La primavera è nella aria. Le giornate tornano ad essere luminose e le temperature più clementi e le bandiere finlandesi sembravano assecondare la fresca brezza mattutina.
Le bandiere finlandesi sventolano perchè oggi è un liputuspäivä ovvero un "giorno della bandiera".
A partire dal 2007 la giornata di oggi viene dedicata alla scrittrice finlandese, pioniera delle battaglie per i diritti delle donne Minna Canth (prima donna a ricevere tale riconoscimento). Per questo si ricorda la giornata di oggi anche come giornata dell'uguaglianza (tasa-arvon päivä).

E la festa del papà?
I papà finlandesi vengono festeggiati nella seconda domenica del mese di novembre, con un apposito liputuspäivä.

Almeno su una cosa il calendario finlandese e quello italiano (cattolico) oggi coincidono. In Finlandia è il giorno di tutti coloro che si chiamano Jooseppi, Joosef, Josefina, Juuso varianti locali del nome Giuseppe/Giuseppina.
Tranne poche eccezioni, i nimipäivä finlandesi non corrispondono agli onomastici italiani.

Nota dolente della giornata: anche per questa volta dovrò fare a meno di gustare delle squisite zeppole di San Giuseppe e accontentarmi di vederle solo in fotografia.


domenica 15 marzo 2009

Seelinnikoi - Värttinä (1992)

Tra le canzoni dell'album Seleniko una di quelle più famose è certamente Seelinnikoi.
La melodia appartenente alla tradizione finlandese si combina piacevolmente con le parole, composte da Sari Kaasinen, e ispirate ai racconti e alle tematiche del folclore nordico.
Nel testo una sposa si lamenta e lancia un chiaro avvertimento alle giovani fanciulle mettendole in guardia sul fatto di accettare proposte di matrimonio senza l'approvazione dei genitori.
Nella canzone infatti si parla di una giovane donna che senza attendere il permesso dei genitori va via di casa per sposarsi con il suo uomo. Giunta nella sua nuova casa, lontana dalla sua famiglia, viene trattata come una schiava e trascurata dal marito e dai suoi famigliari.
Il brano termina con la ripetizione della frase "Ai lole niin kun mie, niin kun mie typerä tyttö" ovvero "non fare come me, non fare come me stupida ragazza".

Curioso anche l'ossessivo ritornello che dà il titolo al brano. L'etimologia della parola seelinnikoi non sembra del tutto certa.
In questo post nel forum del sito dei Värttinä viene ipotizzato che il termine sarebbe di origine ingrica e farebbe riferimento ad un altro motivo tradizionale basato però su una storia diversa che parlerebbe di re, fanciulle e castelli. Partendo sa queste ipotesi si arriva alla conclusione che "Seelinniko i" potrebbe signicare "se linna" ovvero "quel castello".

Peraltro se chiedete a dei finlandesi in generale vi risponderanno che la parola non ha alcun significato o se un signicato esiste si è perso nella nebbia del tempo.

Mi piace pensare che la Kaasinen abbia scelto la parola specialmente per la sua musicalità oltre che per i collegamenti al folclore nordico.

Se volete avere maggiori informazioni sul testo del brano, in questo post trovate una bozza di traduzione in lingua inglese.




Video postato dall'utente varttinawww e tratto dal concerto del febbraio 2003 per il 20° annivesario della fondazione del gruppo.

giovedì 12 marzo 2009

Kuulostaa Hyvältä - lezioni di finlandese

Forse il finlandese non sarà una delle lingue difficile ma senza dubbio presenta alcune difficoltà.
Ho trovato su Youtube i video di un famoso corso con cui esercitare l'ascolto e la comprensione della lingua finlandese.
Il corso è costituito di 39 capitoli ma al momento in cui scrivo solo 30 sono stati caricati (e a dire la verità non per quanto tempo vi rimarranno).
Pur essendo i video intesi come accompagnamento ad un libro, se avete una conoscenza di base della grammatica, non dovrebbe essere un problema seguire i dialoghi delle prime lezioni.
Per una buona grammatica finlandese on-line in lingua italiana vi consiglio di dare una occhiata a Finlandese.net.
Nella sezione dei link dello stesso sito trovate anche una interessante lista di risorse linguistiche da consultare. Tra queste vi consiglio Supisuomea, corso della radiotelevisione pubblica finlandese YLE e Tavataan taas! realizzato dall'Università di Helsinki. Quest'ultimo può essere anche interamente scaricato e consultato senza connessione internet.

Ecco dunque il primo video. Il resto della serie di quelli disponibili li trovare qui. Dimenticavo di dire che, come in tutti i corsi di lingua, i personaggi del video parlano più lentamente del normale e usano il cosiddetto kirjakieli o meglio yleiskieli, ovvero il finlandese standard ufficiale.
La lingua parlata quotidianamente dai finlandesi (puhekieli) ha regole e termini un pò diversi.



martedì 10 marzo 2009

Siansaksa e giorgianese

Prendo spunto da questo post del blog Un posto dove appendere il cappello per una rapida incursione nella mappa dell'incomprensibilità finlandese e italiana.
Sarà capitato anche a voi di utilizzare espressioni quali "parli in arabo" o "parli in ostrogoto" replicando ad un discorso incomprensibile.
A me è capitato di sentire anche la variante "parli tedesco" che sembrerebbe legata alle iniziali difficoltà di comunicazione dei nostri connazionali immigrati in terra germanica.
Ora che ci ripenso, una delle espressioni più ricorrenti durante la mia infanzia è "ma parli giorgianese?". All'epoca non mi ero domandato in quale remoto paese si potesse mai parlare il giorgianese. In un angolo della grande rete virtuale ho trovato che il termine giorgianese o giargianese è comune a gran parte dell'Italia meridionale e sembra avere una origine decisamente curiosa.

Se invece rivolgete ad un finlandese una domanda in un lingua a lui incomprensibile, potrebbe rispondervi "puhut hepreaa" (parli ebreo) oppure "puhut siansaksaa". Siansaksa, letteralmente tedesco di maiale, viene usata con riferimento ad un discorso o una scrittura incomprensibile, incoerente e priva di significato. Sembra richiamare in qualche modo l'inglese Pig Latin.

Spero di non aver scritto questo post in puro giorgianese.


lunedì 9 marzo 2009

Il Kalevala oggi

La difesa del Sampo di Akseli Gallen-Kallela
Sono passati ormai 160 anni da quando Elias Lönnrot pubblicò la versione definitiva della raccolta dei canti tradizionali, prevalentemente careliani, che narravano le gesta degli eroi della terra di Kaleva.
Tra le ultime iniziative, lanciate per la celebrazione dell'anniversario, merita sicuramente una segnalazione la mostra allestita all'Ateneum che presenta 200 opere, di 60 artisti diversi, ispirate al famoso poema epico finlandese.
Alle celebri opere di Gallen-Kallela si aggiungono le meno conosciute sculture di C.E. Sjöstrand e i dipinti di R.W. Ekman fino ad arrivare ad rappresentazioni di artisti contemporanei. La Kalevalaseura difatti ha appositamente incaricato un gruppo di dieci compositori e dieci artisti visuali di fornire una loro interpretazione del Kalevala legata al nostro presente.

Non è un caso che il Kalevala continui ancora oggi ad ispirare trasversalmente correnti e forme artistiche diverse, sorvolando le mode e i gusti dei tempi.
Ne sono un esempio i nuovi colorati tessuti di Marimekko creati dalla giovane designer Sanna Annukka per la collezione primavera 2009. Troviamo ad esempio la serie dei Taikamylly (Il mulino magico) ispirato alla storia del Sampo a quella dei Kanteleen kutsu (Il richiamo del kantele) lo strumento suonato da Väinämöinen. Su questo articolo di HS (in inglese) trovate una intervista alla designer.


domenica 8 marzo 2009

sabato 7 marzo 2009

Di piazze e di altre dediche

Martinlaakso non è probabilmente uno dei quartieri più interessanti dal punto di vista puramente turistico nell'area metropolitana di Helsinki. Tuttavia Martsari (nome in gergo con cui ci si riferisce al quartiere) è in qualche modo legato alla storia della Formula 1 (non solo finlandese).
In questo quartiere occidentale di Vantaa è infatti nato Mika Häkkinen e sembra che anche Mika Salo e Kimi Räikkönen vi abbiano trascorso parte della loro infanzia.
A Mika Häkkinen è stata dedicata una piazza del quartiere (nella foto) in cui una colonna di acciaio ricorda le vittorie mondiali del 1998 e 1999. La piazza, un pò anonima, è usata anche come parcheggio auto.
Chissà se anche a Räikkönen dedicheranno una piazza o una via in un quartiere di Espoo.

In Finlandia non è così raro dedicare nomi di vie o piazze a personaggi ancora in vita.
Un caso famoso è quello di Sampo-aukio, una delle piazze principali di Rovaniemi. Infatti dopo la vittoria dei Lordi all'Eurofestival 2006, si è deciso di cambiare il nome della piazza in Lordin aukio (piazza Lordi) visto che Mister Lordi,leader del gruppo, è originario di Rovaniemi

Sempre a proposito di dediche e riconoscimenti, sembra che il progetto della statua che la città di Lahti vorrebbe dedicare al suo re sportivo Jari Litmanen, abbia subito dei rallentamenti a causa della crisi economica. Di questi tempi non è così facile trovare i 100.000 euro necessari.


giovedì 5 marzo 2009

Sumu - un fantasy finlandese

Casualmente mi sono imbattuto nel film Sumu, una produzione indipendente della Cold Spell.
Di genere fantasy, il film è stato distribuito agli inizi del 2007. Il cast è formato da giovani attori non professionisti che si sono autofinanziati.
Dal sito ufficiale si può leggere che la storia è ambientata in un piccolo villaggio del nord alle prese con una strana foschia (sumu in finlandese). In seguito alla scomparsa di un messagero durante una ricognizione notturna, Ukko, il capo del villaggio, decide di preparare una spedizione per avvisare il vicino castello di quanto accaduto. Ukko chiede a suo genero Uljas di guidare il gruppo ma questi rifiuta perchè pensa ad una reazione esagerata del capo. Appena però Uljas scopre che la sua amata è partita verso il castello non esita un attimo a raggiungerla.
La foschia che avvolge il villaggio sembra nascondere qualcosa ai suoi abitanti. Qualcosa che Uljas ha già visto.

Il film si può scaricare gratuitamente dal sito ufficiale anche nella versione sottotitolata in inglese. E' disponibile anche una versione su Vimeo.
Non lo ho ancora visto però conto di scaricare la versione sottotitolata. Chissà che non mi aiuti a fare pratica con il finlandese.
Di seguito trovate il trailer del film.